Webinar: XXIX Rapporto Congiunturale Cresme SCOPRI DI PIU'

Costruzioni, investimenti, materiali e componenti

OTT

21

2020

Nuova crescita del 4% del mercato delle costruzioni a settembre, ma rallenta per via dei tempi di avvio del Superbonus 110%.

Autore: Antonio Mura

Il mese di settembre era partito con grande forza, con la crescita delle vendite di prodotti per l’edilizia che aveva beneficiato dell’abbrivio di agosto, specialmente nel canale della grande distribuzione. La seconda parte del mese, però, è stata caratterizzata da segnali di rallentamento. Dopo i dati eccezionali dei mesi precedenti, con il passare delle settimane il mix di prodotti venduti e i corrispondenti volumi di vendita per canale hanno mostrato una progressiva normalizzazione, pur mantenendo una dinamica positiva. Il trend ha riguardato tutti i comparti, mentre al livello territoriale i dati migliori sono arrivati dalle regioni del Nord. Bene i prodotti innovativi e quelli connessi (IoT) e sono ripartiti gli ordini gestiti negli stock dei distributori. In crescita anche il dato sulle vendite nazionali di macchine per le costruzioni. A consuntivo, quindi, si può dire che settembre abbia confermato le aspettative più prudenti espresse dagli operatori; l’indicatore sintetico mensile Cresme/CLab registra una crescita del +4% rispetto allo stesso periodo del 2019 (dato che tiene conto del numero maggiore di giorni lavorativi che ha caratterizzato il mese di settembre 2020). Inoltre, anche ottobre sembra essere iniziato con piglio positivo. Nel complesso, le risposte degli operatori che partecipano alla rilevazione si sono distribuite all’interno di un range che va dal +18,5% al -1,7%. La crescita di settembre e il buon avvio di ottobre hanno quindi indotto le imprese a migliorare ulteriormente le previsioni per il 2020: la previsione complessiva per l’anno si attesta, infatti, al -9,0%, dal -9,5% di agosto. Ricordiamo che ad aprile le attese sull’anno erano pari al -20% e ancora a luglio del -13%. Tra i fattori critici, da segnalare le contraddizioni che stanno emergendo in riferimento ad una domanda potenziale di superbonus importante accompagnata da tempi di avvio rallentanti per gli interventi; sulle dinamiche settoriali sta incidendo anche la lentezza della macchina burocratica che lavora ancora a ritmo ridotto.

 

Riproduzione consentita a condizione di citare la fonte

Questo sito utilizza i cookies di profilazione per tenere conto delle scelte di navigazione fatte dall’utente. Inoltre, vengono utilizzati anche cookies di parti terze. Per avere maggiori informazioni e conoscere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Continuando a navigare sul sito, l’utente accetta l’uso dei cookies. Per proseguire conferma di aver preso visione di questo avviso cliccando sul tasto qui sotto o su qualsiasi altra parte del sito.